Eventi meteo eccezionali: al via le domande di ristoro per privati e aziende

4' di lettura 18/09/2023 - In seguito ai danni provocati dagli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito la nostra regione durante i mesi scorsi, sarà possibile fare domanda per ottenere i ristori.

Dalle ore 10.00 di martedì 19 settembre 2023 sarà avviata la raccolta delle istanze per i ristori dei danni a privati su fabbricati e veicoli, mentre dalle 10.00 di martedì 26 settembre 2023 sarà avviata quella per i ristori alle aziende. Le domande dovranno essere presentate entro le 16 del 19 ottobre 2023.

Attraverso un lavoro meticoloso, svolto dai tecnici e dai funzionari delle Direzioni regionali coinvolte, dalla Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia e da Insiel, è stato possibile approvare in tempi brevi le modalità di raccolta delle istanze di ristoro da parte di cittadini e imprese. Tali modalità sono state approvate dalla Giunta regionale nella seduta dello scorso venerdì, a seguito del completamento della ricognizione danni causati dagli eventi eccezionali verificatisi tra il 13 luglio e il 25 agosto 2023 e che hanno portato alla dichiarazione dello stato di emergenza nazionale.

In una prima fase ricognitiva il numero delle istanze giunte da privati e imprese è stato molto elevato: oltre 26.000 segnalazioni di fabbricati privati danneggiati, circa 9.000 veicoli e 2.200 segnalazioni di danni a fabbricati produttivi.

«Visti i numeri e la mole di lavoro da svolgere – ha spiegato l’assessore regionale con delega alla Protezione civile Riccardo Riccardi – è stato deciso di trasferire dai Comuni alla Regione la raccolta e il protocollo delle domande, per l’istruttoria e la successiva concessione. Le domande saranno gestite attraverso un portale informatico accessibile dal sito web di Regione e Protezione Civile: accedendo a questo portale, chi ha subito danni potrà inserire on-line in autonomia le domande per ottenere il ristoro. In questo modo la procedura, di fatto centralizzata, rende uniforme e lineare l’iter, facilitando chi andrà a occuparsi delle istanze, agevolando i Municipi e favorendo il cittadino che ha subito danni».

Le istanze per le imprese potranno essere presentate, in modalità on-line, dalle ore 10 del 26 settembre 2023 ed entro le ore 16 del 26 ottobre 2023, attraverso due diversi moduli: quello per i danni a fabbricati di proprietà di attività economiche e produttive del settore agricolo, forestale e della pesca e quella per i danni ai fabbricati di proprietà delle altre attività economiche e produttive.

Le istanze presentate da privati e imprese consentiranno di accedere ai ristori coperti con fondi regionali e nazionali, per i quali – in esito alla dichiarazione dello stato di emergenza – è stata disposta la richiesta di una puntuale ricognizione, per definire il fabbisogno delle prime misure d’intervento, che determinerà l’assegnazione di un primo contributo nazionale in base alla disponibilità finanziaria che verrà.

Requisiti IMMOBILI: Per poter presentare domanda, è necessario essere proprietari dell’immobile sito all’interno dei 196 comuni del Friuli Venezia Giulia colpiti dagli eventi meteorologici, oppure avere un contratto di locazione (o altro diritto reale di godimento) di un immobile situato in quei comuni, e risiedere nello stesso (dimora abituale e continuativa). Sarà richiesto di indicare l’entità del danno suddiviso per tipologia (tetto, finestre, intonaco…) specificando le spese da sostenere (ed eventualmente quelle già sostenute), oltre a una serie di informazioni generali sul fabbricato (tra cui i dati catastali).

Requisiti VEICOLI: Per i danni ai veicoli è necessario risiedere in un comune del Friuli Venezia Giulia e che il danno sia avvenuto in uno dei comuni colpiti dagli eventi calamitosi. Dovrà essere compilata una domanda per ciascun veicolo di proprietà. Saranno richieste la tipologia e gli estremi del veicolo, il genere di danno (carrozzeria, cristalli, fanali…) distinto tra spesa già sostenuta e spesa da sostenere.

Per i danni a privati e imprese coperti da assicurazione si potrà comunque presentare domanda, fatto salvo che il contributo potrà coprire la parte di spesa ammissibile non coperta da assicurazione. Nel caso in cui la pratica assicurativa non sia definita, si segnalerà che la copertura non è ancora definita, riservandosi di comunicare il dato.

Per presentare domanda i privati devono possedere il sistema di autenticazione digitale Spid oppure la Carta nazionale o regionale dei servizi (Carta di identità elettronica con credenziali associate) oppure la tessera sanitaria attivata negli sportelli abilitati. Le domande potranno essere presentate durante tutto l’arco temporale di apertura del bando, poiché non ci sono vincoli basati sull’ordine temporale di presentazione delle richieste.

Per informazioni, da martedì 19 settembre 2023 sarà attivo il numero verde 800.909060 gestito dal personale volontario della Protezione Civile. Il numero sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18, e il sabato dalle 10 alle 14. Anche il Comune di Pordenone mette a disposizione un numero a cui rivolgersi: ufficio Protezione Civile, geom. Annarita Pacitti, 0434.392544 (dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12).

Per problemi di natura informatica nell’uso del portale si potrà chiamare il numero verde di Insiel 800.098788, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19, e sabato dalle 8 alle 13.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-09-2023 alle 17:26 sul giornale del 19 settembre 2023 - 22 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa, comune di pordenone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/estv





logoEV
qrcode